Le stanze di Margaret

22 Mar 2022

Venerdì 1 aprile alle 18 Margaret Aps organizza la terza stanza antropologica: “I custodi del Mondo” presso Istituto di Scienze dell’Uomo (Isur) in via Nigra 26 a Rimini.

Questa stanza antropologica nasce dalla necessità di costruire un dialogo attorno ai diversi modi di pensare l’ambiente, i cambiamenti climatici, la pandemia, la scomparsa della biodiversità sul nostro pianeta che ci stanno mettendo in allarme sulle conseguenze irreversibili che la nostra “umana” presenza ha sul pianeta che abitiamo e che condividiamo con altre specie: animali, vegetali, funghi.

L’antropologia e le scienze naturali possono aiutare ad aprire gli occhi su un modo diverso dell’uomo di essere parte della natura e non staccato da esso, di percepire la propria esistenza indissolubilmente legata all’ecosistema a cui si appartiene e ad ogni individuo animale e vegetale che ne fa parte: quello dei così detti “popoli indigeni”, la cui sopravvivenza è legata a doppio filo con la conservazione degli ecosistemi che popolano.

Nell’intraprendere questo percorso, Fatima Jlil, presenterà la sua tesi in scienze ambientali dal titolo “Gli effetti del cambiamento climatico sulle popolazioni indigene, e l’esempio della Mongolia”.

Interverranno all’incontro:

  • Alice Pari, Associazione Margaret;
  • Elisabetta Zavoli, fotografa.

Si consiglia di portare letture o altri spunti di riflessione. L’incontro si svolgerà al chiuso. Necessario in green pass.

Per informazioni: apsmargaret@gmail.com

L’incontro è realizzato nell’ambito del progetto Cardini e decumani, finanziato con il contributo della Regione Emilia-Romagna e del Ministero delle Politiche Sociali e Lavoro (Bando progetti rilevanza locale DGR. 1826/2020) che vede come associazioni promotrici: Istituto di Scienze dell’Uomo (capofila), Margaret, 2000 Giovani, Eduaction, Arti in cantiere, Ri.Gas, EcoMuseo Rimini.

Archivi

Categorie

Skip to content