vai ai territori

intestazione VolontaRomagna

Centro di servizio per il volontariato della Romagna

Home 5 Normativa e scadenze 5 Dai commercialisti un nuovo documento sul bilancio del Terzo settore

Dai commercialisti un nuovo documento sul bilancio del Terzo settore

15 Mag 2024

Dai commercialisti un nuovo documento sul bilancio del Terzo settore

La pubblicazione redatta dal Consiglio nazionale si concentra sulle modalità di compilazione del rendiconto per cassa, che può essere utilizzato dagli enti di più piccola dimensione, e contiene diverse esemplificazioni e un esempio pratico finale

Il codice del Terzo settore prevede che gli enti del Terzo settore con ricavi, rendite, proventi o entrate comunque denominate inferiori a 220mila euro possano redigere il proprio bilancio nella forma del rendiconto per cassa. Per facilitare questo passaggio, in un periodo dell’anno “caldo” per molte organizzazioni da questo punto di vista, la commissione di studio “Ets – enti del Terzo settore” del Consiglio nazionale dei commercialisti ha reso disponibile un nuovo documento di ricerca proprio su “Il rendiconto per cassa degli enti del terzo settore. In linea con gli schemi del decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del marzo 2020, la pubblicazione analizza tutti gli aspetti legati a questo tipo di rendicontazione e propone diverse esemplificazioni, frutto dell’analisi dei casi emersi in questi primi tempi di applicazione della norma, e un esempio pratico di rendiconto.

Dopo un’analisi dei riferimenti normativi e un focus sulla classificazione delle entrate e delle uscite, il documento approfondisce il corretto inserimento del saldo iniziale delle consistenze liquide nella sezione “Cassa e Banca” e le informazioni obbligatorie. Gli altri temi trattati sono, poi, secondarietà e strumentalità delle attività diverse (art. 6 del codice del Terzo settore), rendicontazione delle raccolte fondi occasionali, informazioni facoltative, collocazione all’interno del rendiconto per Cassa dei costi e proventi figurativi.

Si ricorda che la principale differenza con il classico rendiconto gestionale, che rileva oneri e proventi della gestione economica di periodo, è che il rendiconto per cassa evidenzia l’andamento dei flussi monetari dell’esercizioCome si legge nella presentazione pubblicata sul sito dello stesso Consiglio, i due prospetti si distinguono per il sistema di rilevazione usato: nel primo caso, è basato sulla competenza economica, mentre nel secondo si esaminano le sole movimentazioni monetarie (entrate ed uscite). Il rendiconto per cassa, quindi, evidenzia tutti i movimenti monetari avvenuti nel corso dell’esercizio, identificando la modalità con cui le disponibilità liquide sono state generate o assorbite nel corso del periodo amministrativo.

Per maggiori chiarimenti si rimanda a:

Tempo di bilanci nel Terzo settore. Come approvarli?

Check-list per evitare gli errori più frequenti nella redazione del rendiconto per cassa degli enti del Terzo settore di piccole dimensioni (Mod. d), grazie alla collaborazione tra Cantiere terzo settore e i centri di servizio per il volontariato

Guida su come presentare l’istanza di deposito bilancio

Video tutorial “Come depositare il bilancio nel registro unico nazionale del Terzo settore” realizzato grazie alla collaborazione tra Cantiere terzo settore e il centro di servizi per il volontariato CTV – Centro Territoriale Volontariato ETS (Biella – Vercelli).

Vademecum “Il rendiconto per cassa degli enti del Terzo settore. Un’analisi del modello D per orientarsi nella compilazione” realizzato da CSVnet, Forum Nazionale del Terzo settore e CSV Marche

Guida su come presentare l’istanza di deposito bilancio nel Runts, realizzata da CSVnet Lombardia, CSV Polis e Celivo 

*Cantiere Terzo Settore – di Lara Esposito – 30 aprile 2024

 

** Foto di Firmbee da Pixabay

Archivi

Categorie

Skip to content